Educazione finanziaria a scuola: ecco Urbrick, il gioco per prof e studenti in tempo di DAD

Dal team di formazione di Con la Scuola arriva un progetto pensato per il triennio delle scuole superiori.

Di educazione finanziaria a scuola si parla forse poco, eppure è un aspetto della quotidianità che meriterebbe di essere approfondito e meglio compreso fin da ragazzi.

Si può parlare di economia in classe e si può farlo in forma di gioco. Lo dimostra Urbrick, un progetto finanziato da Assonebb, Associazione Nazionale Enciclopedia della Banca e della Borsa, e ideato da Francesca Traclò, Chimera Poppi e Paolo Vidali del team di formazione di Con la Scuola.

Urbrick è un’attività ideale per essere proposta nella didattica a distanza, modalità che è stata ripristinata integralmente per tutte le scuole superiori in seguito al dpcm del 3 novembre 2020. L’iniziativa può valere inoltre come PCTO di classe sul tema dell’educazione finanziaria trattato insieme a materie curriculari.

Scopriamo allora in dettaglio il progetto.

Educazione finanziaria: cos’è (e come si gioca con Urbrick)

L’educazione finanziaria è quella disciplina che mira a divulgare i concetti fondamentali della materia economico-finanziaria, al fine di chiarirne i meccanismi e diffondere così una maggiore consapevolezza rispetto al ruolo della finanza nella vita quotidiana.

Ma come ci si può giocare?

Urbrick, il gioco dell’educazione finanziaria

Urbrick è un portale web che si rivolge ai docenti e agli studenti del triennio delle scuole superiori, permettendo loro di scoprire la disciplina finanziaria a partire da materie scolastiche come storia, filosofia, fisica e matematica.

Lo scopo del progetto è quello di trasmettere ai ragazzi i fondamenti dell’economia e del vivere civico attraverso un approccio pratico, coinvolgente e ludico. Urbrick è infatti un vero e proprio gioco dell’educazione finanziaria, nel quale gli studenti devono confrontarsi con l’amministrazione delle risorse di una città immaginaria, avendo l’obiettivo di migliorarne le condizioni di sostenibilità. I ragazzi metteranno così in pratica i principi economici appresi in un contesto compiuto e ben definito, seppure virtuale.

Grazie alla sua impostazione laboratoriale, Urbrick rappresenta una delle possibili realizzazioni di una didattica delle competenze, in cui la conoscenza si accompagna sempre all’esperienza. Quella del gioco è una delle modalità più efficaci per richiamare l’interesse dei ragazzi e facilitare il processo di apprendimento (abbiamo già parlato dell’importanza del coinvolgimento attivo degli studenti in questo articolo).

Urbrick porta l’educazione finanziaria a scuola dando la possibilità a docenti e studenti di raggiungere questi risultati:

  • Permette agli insegnanti di avviare una didattica delle competenze avvalendosi di uno strumento digitale
  • È in linea con i programmi previsti dalle linee guida del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca 
  • Supporta i docenti nella trattazione di temi che non rientrano direttamente nelle loro conoscenze professionali
  • Avvicina gli studenti alle tematiche economiche attraverso un approccio interdisciplinare
  • Consente di indagare discipline come la storia e la filosofia, abitualmente trattate da un punto di vista teorico, attraverso un approccio pratico e orientato allo sviluppo di competenze
  • Fornisce agli studenti gli strumenti per analizzare gli eventi tenendo conto delle implicazioni economiche

L’educazione finanziaria a scuola: le regole del gioco

La piattaforma Urbrick offre una serie di moduli, catalogati in temi e combinabili in percorsi. I componenti di una classe, suddivisi in squadre, selezionano un percorso tra quelli proposti, che si compone di un modulo introduttivo inerente alla materia insegnata dal docente che li accompagna nel gioco, e di un modulo di economia conclusivo.

Ciascun modulo è abbinato a materiali di supporto:

  • Un glossario
  • Bankpedia, l’Enciclopedia online di Banca Borsa e Finanza creata da Assonebb 
  • Schede e approfondimenti
  • Fonti bibliografiche
  • Guide e strumenti

Per avanzare tra le lezioni di un modulo, i ragazzi devono svolgere attività individuali online e attività di gruppo offline. Queste ultime prevedono la produzione di materiali scritti e multimediali che vengono successivamente caricati sulla piattaforma e valutati. 

Il superamento di queste attività consente agli studenti di acquisire punti i brick – che servono loro ad avanzare in otto gruppi di competenze, personali e di squadra. Concluso un percorso, le squadre si sfidano sulla piattaforma di gioco: utilizzeranno i brick accumulati per migliorare le condizioni di sostenibilità (economica, sociale etc.) di una data città, andando a intervenire su diversi indicatori. Vince chi raggiunge il più alto livello di sostenibilità. 

Il team di formazione di Con la Scuola coinvolto in Urbrick

Urbrick nasce da un’idea di Francesca Traclò (coordinatrice), Chimera Poppi (responsabile della segreteria organizzativa) e Paolo Vidali, già parte attiva del team di formazione di Luiss Business School che è a capo del progetto Con la Scuola, finanziato da Snam e Consorzio ELIS, e divenuto dall’ottobre 2020 corso di specializzazione accreditato.

L’attività di Con la Scuola, focalizzata sulla formazione docenti e sull’affiancamento dei dirigenti scolastici in un percorso di rinnovamento della scuola, dal marzo 2020 si è spostata online con la proposta di materiali e webinar formativi. Il nuovo ciclo di laboratori, che ha preso il via il 5 novembre 2020, affronta il tema della sostenibilità. Qui il link per saperne di più.

LEGGI ANCHE

Il Dpcm del 24 ottobre 2020 ha riportato la scuola secondaria di secondo grado a un maggiore utilizzo della DAD. Vediamo cosa vuole dire valutare a distanza
Il programma di webinar organizzati da DiCultHer, dedicati al patrimonio culturale e alla cultura digitale nella scuola
Il coinvolgimento emotivo degli studenti è elemento fondamentale di una didattica efficace. Ecco come incentivarlo secondo Con la Scuola.
Francesca Traclò, responsabile scientifico e formatrice del progetto Con la Scuola, ci guida nel difficile compito di progettare la didattica post-Covid.
Dopo sei mesi del progetto formativo voluto da Snam e Consorzio Elis, i formatori della LUISS Business School tracciano un quadro di risultati e scenari.
Tra lezioni in presenza e online, sicurezza e possibili usi della scuola digitale, il futuro della DAD è ancora incerto.
Con la Scuola - logo

CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.CONLASCUOLA.COM

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.