Il Consiglio di classe: cos’è e quali funzioni ha

Una panoramica sulle figure di riferimento, i compiti e le funzioni di questo fondamentale organo collegiale, centrale anche nel progetto Con la Scuola

Il Consiglio di classe è un organo collegiale della scuola italiana, a cui prendono parte le diverse componenti scolastiche: docenti, genitori e studenti. Istituito con il D.P.R. 416 del 31 maggio 1974 (allegato ai Provvedimenti Delegati sulla scuola), si occupa di monitorare e accompagnare la classe nel compimento dell’anno scolastico, si esprime sui progetti di sperimentazione, decide la programmazione didattica e ha una serie di compiti e funzioni ben definiti, che sono trattati nei successivi capitoli.

Il Consiglio di classe è anche al centro della proposta formativa di Con la Scuola, progetto voluto da Snam e coordinato dai formatori della LUISS Business School Francesca Traclò, Ottavio Romano, Paolo Vidali e Chimera Poppi. Anche di Con la Scuola parleremo più avanti.

Partiamo intanto proprio dai compiti e dalle funzioni dei Consigli di classe.

“Il Consiglio di classe è uno degli organi collegiali della scuola italiana ed è composto dal dirigente scolastico, da tutti i docenti di ogni classe e dai rappresentanti di studenti e genitori”. 

Il Consiglio di classe: compiti e funzioni 

Il Consiglio di classe è uno degli organi collegiali della scuola italiana ed è composto dal Dirigente scolastico, da tutti i docenti di ogni classe, dai rappresentanti di studenti e genitori. Svolge diverse funzioni e compiti che dipendono dal grado della scuola in cui opera e dalle componenti che di volta in volta ne fanno parte. In generale, esercita le sue funzioni in materia di programmazione, sperimentazione e valutazione e, più precisamente:

  • Valuta e pianifica l’attività educativa
  • Formula proposte e iniziative rivolte al Collegio docenti
  • Agevola e implementa i rapporti tra docenti, genitori e studenti

A seconda delle componenti che vi partecipano, le competenze del Consiglio di classe variano e il Cdc si può distinguere in:

  1. Articolazione semplice, prevede la presenza di soli dirigenti e docenti
  2. Articolazione composta, prevede anche la presenza di genitori e studenti

Articolazione composta

Il Consiglio di classe con articolazione composta si occupa di stabilire le attività che i docenti intendono portare avanti con gli studenti; proporre i libri di testo; suggerire gli strumenti e le modalità per rendere più produttivo il rapporto tra famiglie, docenti, studenti; e fissa i criteri di valutazione. Inoltre, il Consiglio di classe interviene anche in quei provvedimenti disciplinari a carico degli studenti che prevedono l’allontanamento dalla comunità scolastica per un periodo inferiore a quindici giorni. 

Articolazione semplice

Il Consiglio di classe con articolazione semplice ha funzioni e competenze incentrate nel coordinamento didattico e nei rapporti interdisciplinari, in particolare:

  • Cura il coordinamento didattico e interdisciplinare
  • Esprime le valutazioni finali
  • Definisce le competenze in relazione alle discipline, le metodologie idonee e gli strumenti in relazione alla situazione iniziale della classe e alle indicazioni generali dei Dipartimenti
  • Attribuisce a ogni docente la responsabilità per lo sviluppo delle competenze 
  • Segue l’iter della Programmazione educativo-didattica della classe, in rapporto ai tempi che si sono stabiliti all’inizio dell’anno e ai risultati attesi 
  • Pianifica interventi di potenziamento, consolidamento, recupero in itinere
  • Definisce di un comportamento comune nei confronti degli studenti nei vari momenti della vita scolastica;
  • Decide le valutazioni periodiche e finali degli studenti della classe
  • Attribuisce, in sede di scrutinio finale, il punteggio del Credito Scolastico

Consiglio di classe: convocazione, figure di riferimento, elezione

Il Consiglio di classe si riunisce nelle ore al di fuori delle lezioni scolastiche, secondo il Piano delle Attività proposto dal Dirigente e votato dal Collegio dei docenti, in conformità con il tetto fissato dalla programmazione annuale delle quaranta ore. Il Consiglio di classe si riunisce almeno una volta a trimestre o quadrimestre, a seconda del periodo in cui è suddiviso l’anno scolastico, e si insedia dopo le elezioni dei rappresentanti di genitori e studenti.

Ruolo del Dirigente scolastico

È il Dirigente scolastico a convocare il Consiglio, con un preavviso scritto di almeno cinque giorni, indicando l’ora d’inizio, la durata e l’ordine del giorno. Può essere convocato anche su richiesta della maggioranza dei suoi membri, purché la richiesta sia scritta e motivata. 

Le figure di riferimento, all’interno del Consiglio, sono il coordinatore e il segretario.

Il coordinatore

Il coordinatore ricopre funzioni di riferimento e gestione dei lavori, che vanno dalla stesura del piano didattico al controllo delle assenze degli studenti.

Il segretario

Il segretario è un ruolo istituzionale previsto dalle norme e necessario ai fini della validità delle sedute del Consiglio di classe: il suo compito è documentare l’iter decisionale del Consiglio e verbalizzare la seduta. 

Compiti dei rappresentanti di classe

I rappresentanti di classe hanno il compito di informare gli altri studenti e le famiglie sull’andamento della classe, e di riferire al Consiglio le loro richieste, evidenziando eventuali problematiche, e svolgendo una funzione di mediazione. 

Elezioni dei componenti

Come per tutti gli organi collegiali, tutti i componenti del Consiglio di classe (docenti, genitori e studenti) sono eletti dai membri della categoria di appartenenza: i docenti dai docenti, i genitori dai genitori, e così via.

Tutti i genitori hanno diritto di voto per eleggere i propri rappresentanti, ed è diritto di ogni genitore candidarsi per poter essere eletto. I rappresentanti degli studenti vengono eletti da tutti gli studenti della classe. L’elezione nei Consigli di classe si svolge annualmente.

Consigli di classe, interclasse e intersezione

 Il Consiglio di classe, a seconda del contesto in cui si trova ad operare, acquisisce una diversa definizione:

  • Consiglio di interclasse (infanzia)
  • Consiglio di intersezione (primaria)
  • Consiglio di classe (secondaria I e II grado)

Il Consiglio di intersezione opera nella scuola dell’infanzia ed è composto dai docenti delle sezioni dello stesso plesso, e da un rappresentante dei genitori per ciascuna delle sezioni. A presiedere le riunioni è il Dirigente scolastico o un docente che ne riceve da lui la delega.

Il Consiglio di interclasse opera nella scuola primaria ed è composto dai docenti dei gruppi di classi parallele dello stesso ciclo o dello stesso plesso, e da un rappresentante dei genitori per ciascuna delle classi. Ne è Presidente il Dirigente scolastico o un docente da lui delegato. 

Il Consiglio di classe, infine, opera nella scuola secondaria. 

Consigli di classe nelle scuole superiori: composizione, compiti e funzioni

Il Consiglio di classe nelle scuole superiori è composto da: 

  • Il Dirigente scolastico che presiede alle riunioni
  • Il docente coordinatore di classe, con le funzioni di vice presidente 
  • Il segretario, ruolo che può essere ricoperto dallo stesso coordinatore 
  • I docenti delle classi, senza escludere gli insegnanti di sostegno e i docenti tecnico-pratici 
  • 2 rappresentanti dei genitori, eletti dai genitori della classe
  • 2 rappresentanti degli studenti, eletti dagli studenti della classe

Funzioni nella scuola superiore

Le funzioni del Consiglio di classe nella scuola superiore sono monitorare e pianificare l’andamento dell’attività educativa e didattica. Inoltre, le proposte di voto per le valutazioni periodiche e finali delle materie che vengono insegnate in compresenza (da due o più insegnanti che lavorano insieme), sono espresse in modo autonomo dal singolo docente, in accordo con l’altro insegnante. Il voto unico viene poi assegnato dal Consiglio di classe in base alle proposte formulate e al giudizio dato dai docenti interessati.

Come enunciato nei capitoli precedenti, per le scuole superiori valgono gli stessi meccanismi di rappresentanza ed eleggibilità. Sia nel I e nel II grado di istruzione di scuola secondaria infatti, partecipano alle attività del Consiglio di classe, genitori, docenti, studenti e il Dirigente scolastico.

Il Consiglio di classe nella scuola superiore è anche il soggetto centrale del percorso formativo di Con la Scuola, corso di specializzazione accreditato che ha tra i suoi obiettivi proprio supportare docenti e Dirigenti scolastici nella gestione del Consiglio di classe. 

Il Consiglio di classe, nella visione di Con la Scuola, diventa il modello di riferimento, una strada da seguire, in cui la collaborazione e il lavoro di gruppo sono i punti cardine, per migliorare non solo l’apprendimento, ma anche la produttività dell’intero organismo della scuola. 

“Abbiamo individuato nel Consiglio di classe l’elemento chiave su cui intervenire per promuovere il cambiamento, nella convinzione che lo sviluppo delle competenze richieda un approccio di gruppo e che il Patto formativo sia fra studente e docenti.”

Dal progetto formativo di Con la Scuola 

Il Consiglio di classe per il progetto formativo Con la Scuola: il punto di partenza per il cambiamento

Il Consiglio di classe è il punto di forza della proposta formativa di Con la Scuola, il progetto di Snam, condotto in collaborazione con LUISS Business School e ELIS. 

Con la Scuola, che si avvale del metodo eXperiment@scuola, ideato da Francesca Traclò e Ottavio Romano, ha voluto fare del Consiglio di classe l’oggetto privilegiato su cui agire per introdurre il cambiamento nella didattica, e il fondamento da cui partire per lavorare insieme. 

Ai Consigli di classe, dall’avvio del progetto, sono stati dedicati webinar, laboratori e materiali formativi, disponibili sul sito www.conlascuola.com, che di volta in volta, hanno accompagnato docenti e Dirigenti scolastici non solo nella sua gestione, ma anche nel suo potenziamento.

Convinzione dei formatori è che migliorare la gestione e le attività del Consiglio di classe renda la scuola un organismo più efficiente e produttivo, in grado di affrontare le difficoltà ricorrendo al gruppo, e di incentivare l’apprendimento.

>>> Per approfondire l’importanza del Consiglio di classe per Con la Scuola, è possibile leggere l’articolo di Francesca Traclò e Ottavio Romano dal titolo “Investire sul Consiglio di classe per una scuola sostenibile e di successo”.

“Abbiamo sperimentato insieme che nel percorso di trasformazione dell’organizzazione scuola è necessario partire dal gruppo, che noi abbiamo individuato nel Consiglio di classe.”

I formatori del progetto Con la Scuola

L’obiettivo ultimo è mettere le basi di una learning organization, dove il gruppo condivide uno scopo comune, e dove l’attenzione sia costantemente puntata sugli studenti, passando da una didattica dell’insegnamento a una dell’apprendimento, per una scuola orientata all’esperienza. 

È possibile visionare il ciclo di webinar dedicato ai Consigli di classe a questo link.

LEGGI ANCHE

Giro d’Italia di voci ed esperienze vissute dai docenti, nella rubrica del progetto formativo di Snam e LUISS Business School.
Il ruolo del Consiglio di classe come chiave strategica del cambiamento: riflessioni, domande e qualche proposta
In tutto il continente, l’anno scolastico è partito con protocolli dedicati alla prevenzione e al contenimento dei contagi. Scopriamo i dettagli, paese per paese
Al via il nuovo ciclo del progetto formativo di Snam e LUISS rivolto a docenti, Consigli di classe e dirigenti: si riparte da una due giorni di laboratori in presenza, tra Roma e Milano.
Da un’indagine italiana e studi svolti negli Usa, arrivano dati significativi sui risvolti psicologici ed emotivi del lockdown.
Dopo mesi di lockdown, molti Stati hanno riaperto fra soluzioni localizzate, fasi progressive e turnazioni.
Con la Scuola - logo

CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.CONLASCUOLA.COM

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.